La delegazione capitanata dal Gran Maestro Franco Dalla Rosa con i confratelli Elvio Forato e Luca Ferraro è stata ospite ieri  alla cerimonia di investitura dei nuovi Cavalieri  durante l’Assemblea d’Inverno della Confraternita di Valdobbiadene, svoltasi nella storica sede “Cella Vinaria” in San Pietro di Barbozza.

L’invito alla nostra Confraternita deriva da precedenti intenti di collaborazione con il Gran Maestro Roberto De Lucchi, per affrontare tematiche e sfide comuni ai nostri territori.

In un’atmosfera di reciproca convivialità e amicizia il nostro Gran Maestro Franco Dalla Rosa ha sottolineato la finalità comune di entrambe le Confraternite nel promuovere il vino, il territorio e le tradizioni locali. Il fatto di vivere in un territorio di straordinaria bellezza impone infatti di difenderlo insieme al vino che questo territorio produce, affinché possa essere goduto non solo dalle nostre generazioni ma anche da quelle a venire.

Questo concetto è stato ribadito anche dallo scrittore Fulvio Ervas, nominato ieri Cavaliere di Valdobbiadene ad honorem per il suo libro del 2010 “Finché c’è Prosecco c’è speranza”.

La serata si è poi chiusa con la cena conviviale al ristorante “da Lino” a Solighetto.

Organismi e cariche

Dal 1988 la Confraternita Vini Asolo Montello sviluppa e promuove le tradizioni dei prodotti vitivinicoli delle nostre terre.

I Confratelli

La Confraternita Vini Asolo Montello conta tra i propri Confratelli decine e decine di esimi rappresentanti della cultura vitivinicola del territorio dell’Asolo Montello.

L'organigramma

Nel rispetto degli obiettivi espressi con lo Statuto originale del 1988, la Confraternita Vini Asolo Montello è guidata da organismi e cariche interne.

Lo Statuto

Lo Statuto è il documento costitutivo dell’Associazione e sancisce i diritti e i doveri dei Confratelli, oltre alle modalità di rappresentanza e di amministrazione.

Aggiornamenti dalla Confraternita

Leggi il blog della Confraternita Vini Asolo Montello per le ultime novità.

Torna su