Asolo, 10 novembre 2016 – L’Assemblea annuale della Confraternita Vini Asolo – Montello si è svolta ieri sera nella prestigiosa sala Beltramini del Comune di Asolo, presente anche il Sindaco della città Mauro Migliorini.

Quattro i nuovi confratelli eletti, tra i quali la signora Franca Basso, ad ulteriore conferma di una volontà di apertura della Confraternita anche all’universo femminile:

  • dott. Diego Tomasi
  • sig.ra Franca Basso
  • enol. Filippo Costa
  • dott.  Martino Caeran

Il Confratello e Presidente del Consorzio Tutela Vini Asolo Montello Armando Serena ha presentato al Capitolo il Dott. Diego Tomasi, attuale Direttore del C.R.A. di Conegliano e nominato Confratello “ad honorem”.

In uno spirito di amicizia e confronto tra confraternite da tempo cercato e promosso dal Gran Maestro Franco Dalla Rosa, alla manifestazione di Asolo e successiva cena era presente anche una delegazione della prestigiosa e storica Confraternita di Valdobbiadene: il Gran Maestro Roberto De Lucchi e il Primo Confratello Floriano Curto.

Argomenti di discussione tra le due Confraternite sono stati l’amicizia e gli scopi comuni da perseguire, la sostenibilità ambientale, la tutela del territorio, le opportunità future del settore vitivinicolo, il Prosecco ma anche gli altri vini del territorio. Ricordati anche dal Prof. Borgo e dal dott. Tomasi (appartenenti ad entrambe le Confraternite) i vecchi vitigni dell’Asolano come la Rabbiosa e la Recantina.

Presentate dal Gran Maestro Dalla Rosa sia l’opera in 2 volumi del Confratello Prof. Michele Borgo “Le avversità della Vite”, sia il volume del Confratello Prof. Luigi Bavaresco “I vitigni italiani. Loro caratterizzazione e valorizzazione”, premiato con il Prix de l’OIV 2016 (Organisation Internationale de la Vigne et du Vin).

La cena al ristorante La Terrazza dell’Albergo al Sole si è svolta in un clima di piacevole e cordiale amicizia, con degli abbinamenti enogastronomici di alta qualità. Si è brindato con i vini delle aziende Montelvini, Bele Casel, Azienda Agricola Sartor, Pat del Colmèl e Dal Bello, oltre che con il Prosecco della Confraternita di Valdobbiadene, gentilmente offerta dal Gran Maestro Roberto De Lucchi a suggello di un’amicizia e una collaborazione futura.

[mk_gallery images=”1013,1014,1015,1016,1017,1018,1019,1020,1021,1022,1023,1027,1028,1029,1030,1031,1032,1033″ column=”3″ height=”300″ frame_style=”simple” disable_title=”false”]

Organismi e cariche

Dal 1988 la Confraternita Vini Asolo Montello sviluppa e promuove le tradizioni dei prodotti vitivinicoli delle nostre terre.

I Confratelli

La Confraternita Vini Asolo Montello conta tra i propri Confratelli decine e decine di esimi rappresentanti della cultura vitivinicola del territorio dell’Asolo Montello.

L'organigramma

Nel rispetto degli obiettivi espressi con lo Statuto originale del 1988, la Confraternita Vini Asolo Montello è guidata da organismi e cariche interne.

Lo Statuto

Lo Statuto è il documento costitutivo dell’Associazione e sancisce i diritti e i doveri dei Confratelli, oltre alle modalità di rappresentanza e di amministrazione.

Aggiornamenti dalla Confraternita

Leggi il blog della Confraternita Vini Asolo Montello per le ultime novità.

Torna su